Non mi dà retta! Ecco l’errore che quasi tutti i genitori commettono

errore nel comportamento

Quanto tempo passi a dire a tuo figlio che non sei soddisfatto del suo comportamento?

“Non toccarlo, non picchiare tua sorella, non lasciare i vestiti in giro, non saltare sul divano, non correre per strada, non lasciare i tuoi giocattoli sparsi per terra …”

“Il mio bambino non mi ascolta!”, quante volte ci siamo lamentati così?

Posto che non vogliamo che i nostri figli diventino dei piccoli soldatini o dei meri esecutori di ordini impartiti dall’alto, è importante che seguano comunque alcune regole. In genere queste regole sono legate alla salute, al rispetto e al benessere di tutti i componenti della famiglia, compreso il bambino stesso.

La lotta quotidiana

Se hai più figli può diventare estenuante ripetere le stesse cose giorno dopo giorno. E quel che è peggio è che qualsiasi cosa tu dica, non importa l’enfasi (e talvolta l’aggressività) che ci metti, raramente avrà un impatto positivo sul tuo bambino.
I genitori mi raccontano di ingaggiare vere e proprie lotte quotidiane nel tentativo di cambiare un certo comportamento dei figli, ma la maggior parte di loro commette un errore: si concentra sul comportamento scorretto piuttosto che sul comportamento desiderato.

Facendo così però non consentiamo al bambino di identificare ciò che ci aspettiamo che lui faccia.

A noi può sembrare un’ovvietà: se dico “non lasciare i tuoi giocattoli sparsi per terra” significa che voglio che i giocattoli siano raccolti e riposti nel contenitore blu o sistemati sullo scaffale di sinistra.
Ma al bambino, soprattutto se molto piccolo, arriverà un altro messaggio. Saprà di aver sbagliato, ma non saprà come rimediare. Perché lui abbia una visione più chiara è importante che nella comunicazione ci concentriamo su cosa ci aspettiamo da lui.
E anche se probabilmente dovremo – come sempre – ripetere le istruzioni più volte, è più probabile che in questa modalità il bambino capisca meglio cosa fare.

Tenere un altro comportamento

Per aiutare il nostro bambino, anche noi possiamo comportarci in modo diverso. Ecco come:

1) Essere molto specifici

Più saremo in grado di specificare, più sarà facile per nostro figlio comportarsi secondo quanto ci si aspetta da lui. Quando si tratta di comportamenti problematici essere specifici rende più facile al bambino apprendere modelli più sicuri per tutti e prevedere le conseguenze delle sue azioni.

2) Trasformare le istruzioni negative in istruzioni positive

Le istruzioni negative che iniziano per “non” fanno cessare nell’immediato il comportamento scorretto e qualche volta possono essere molto utili, ma risultano poco adatte quando desideriamo far capire al bambino cosa ci si aspetta che lui faccia.

Proviamo a fare alcune sostituzioni.

– Invece di “non toccarlo”, potreste dire “puoi toccarlo solo quando siamo insieme”
– Al posto di “non lasciare i tuoi giocattoli sparsi a terra”, potreste dire “per fare spazio prova a riporre i giocattoli nella cesta”
– Invece di “non correre per strada”, potreste dire “stai vicino a me / devi darmi la mano ”
– Al posto di “non lasciare il libro sul pavimento” potreste dire “ti ricordi che abbiamo trovato un bel posto per tutti i tuoi libri? Riponi sullo scaffale anche quello che hai lasciato a terra per trovarlo subito la prossima volta”
– Invece di “non saltare sul divano” potreste dire “i divani sono per sedersi e sdraiarsi, potrai fare dei salti altissimi in giardino tra poco”

E ancora:

– Parla a voce bassa per favore, altrimenti mi faranno male le orecchie e la testa…
– I vestiti puliti vanno nell’armadio, senti come sono profumati …quelli che puzzano nel cesto della biancheria
– Appena entri in casa puoi toglierti le scarpe per mantenere pulito il pavimento…
– Prima di andare a dormire ci laviamo i denti e così li manterremo bianchi e in salute…
– Mangiamo a tavola per stare tutti insieme….
– Metti il casco prima di salire sulla bici per proteggere la testa…

3. Mantenere la calma

Il nostro modo di parlare al bambino può fare la differenza. Come in ogni altra forma di comunicazione, non conta solo quello che diciamo ma anche come lo diciamo.
Ci vorranno anni prima che i nostri figli introiettino regole legate alla salute e al rispetto. E dunque, anche se non è facile mantenere la calma, ricordiamoci che il nostro senso di frustrazione è legato ad aspettative talvolta troppo ambiziose.
Possiamo quindi provare a rilassarci con quello che c’è, senza pretendere la perfezione, e utilizzare un tono amorevole o giocoso anche quando diamo, per l’ennesima volta, la stessa istruzione ai nostri figli.

PIANO D’AZIONE

Cerca di osservarti: oggi quante volte ti sei concentrato sul comportamento che ritieni sbagliato piuttosto che su quello che vorresti vedere? Qual è stata la reazione di tuo figlio?

Come puoi trasformare alcune delle tue istruzioni negative in positive? Prova a fare una piccola lista scritta per sperimentare il nuovo metodo nelle prossime ore.

È possibile che il tuo bambino sia troppo piccolo o troppo stanco o troppo affamato in questo momento per attuare il comportamento che vorresti vedere? Prova a riflettere qualche secondo prima di lasciarti andare a rabbia o frustrazione.

Se pensi che questo articolo possa aiutare altri genitori e bambini a coltivare un ambiente più sereno e amorevole in famiglia, puoi provare a condividerlo e a stimolare una riflessione in merito

2 Comments
  • Rosangela

    Rispondi

    A parte il qual è con l’apostrofo, tutto assolutamente perfetto. Quoto ogni parola.

    • Michela Rosati

      Grazie per avermi segnalato la svista. Corretto!

Leave a Comment